Ila

Info

 

Nata a: Latina, il 26 Luglio 1978

Segno zodiacale: Leone

Altezza: 1,76

Peso: 65

Interessi: Film, patchwork, relitti, danza classica

Sport praticati: nuoto agonistico per 9 anni, danza classica per 10 anni, tennis, sci, vela (ma io e il vento non ci capiamo bene!)

Laurea: Interpretazione di Conferenza Lingue: inglese e russo (Università di Trieste)

Il mio Mare: San Felice Circeo

Il mio Mare d'adozione: le acque siciliane che bagnano Siracusa, dove mi sono allenata per tre anni, sotto la guida di Nuccio di Dato (assistente di profondità di Enzo Maiorca), assistita da amici, bravissimi subacquei professionisti.

Il mio palmares.


Su di me

 

Mamma Amalia biologa marina e istruttrice di nuoto, Papà Giuseppe appassionato di pesca e barche a motore.

Il giorno prima che nascessi, mia mamma nuotava in mare, scortata da mia sorella Katia e da una sua amica.

A un anno ero la mascottina della squadra di nuoto allenata da mamma, di cui faceva parte mia sorella e di cui era presidente papà! 




A 21 anni ho scoperto l’apnea: durante una vacanza, ho conosciuto Umberto Pelizzari, mio amico e maestro, nonché pluriprimatista mondiale di apnea profonda. Ho fatto il mio primo tuffo in apnea a 16 metri e il secondo a 25 scortata dalla leggenda vivente del mare. Poco tempo dopo ho iniziato a frequentare il mio primo corso Apnea Academy e a gareggiare.

Nel 2009, durante il primo Vertical Blue, una gara internazionale alle Bahamas nel Dean’s Blue Hole, la dolina marina più profonda del mondo (202 metri), dopo essermi allenata per circa 15 giorni a profondità variabili tra i 50 e i 65 metri, ho scoperto di essere incinta ed ho interrotto le gare (i giudici mi rilasciarono un attestato di partecipazione con la profondità massima raggiunta in gara dichiarando: "il feto più profondo del mondo!"). 

Ho tradotto due libri di apnea rispettivamente in italiano e in inglese: "Respirologia" di S. Severinsen e "Allenare l'apnea a secco" di U. Pelizzari, R. Chiozzotto e F. Mana.

Nel 2012, dopo anni di assenza dalle gare ho ricominciato ad allenarmi con costanza e, nel 2013, sono diventata vice campionessa italiana con il risultato di -77 metri di profondità, sfiorando il record del mondo.

Dal 2014 faccio nuovamente parte della Nazionale Azzurra di Apnea.

Nel 2014 ho tentato un record del mondo in assetto costante con attrezzi (-82 metri), non andato a buon fine a causa della forte corrente. 

Nello stesso anno ho inaugurato in veste di sirena la piscina più profonda del mondo, la Y-40, a Montegrotto Terme, e ne sono diventata testimonial femminile.

Nell’estate del 2015, a distanza di 10 anni dal mio ultimo record, ho stabilito due nuovi primati italiani di profondità.